Amanti ed appassionati del vino e del territorio non prendete impegni e segnatevi in agenda le date del percorso teorico e multisensoriale alla scoperta del Dolcetto, perla autoctona della produzione enologica piemontese.

Personalmente avrò l’onore di guidare gli approfondimenti teorici e l’approccio alla degustazione tecnica, nell’ambito di una serie di serate tematiche che si configureranno come un vero e proprio corso di studio del vitigno e dei vini Dolcetto, organizzato dalla Condotta Slow Food di Bra.

massimo

Il corso  si compone di 4 lezioni teorico-pratiche della durata di due ore ciascuna, rivolte a persone già qualificate in ambito enologico e nella degustazione.  Attraverso uno studio dettagliato di una sola tipologia di vino, ovvero il Dolcetto, i partecipanti potranno acquisire una profonda conoscenza del singolo prodotto, ma anche la tecnica del corretto approccio conoscitivo nei confronti di qualsiasi altro vino.

Durante le lezioni verranno affrontati tutti gli elementi salienti che caratterizzano il prodotto, dalla storia alle caratteristiche pedoclimatiche locali, l’analisi delle fasi produttive dell’uva e del vino coerentemente al disciplinare di produzione delle differenti denominazioni di origine.

Tali informazioni saranno abbinate ad un’ampia attività di analisi sensoriale, che permetterà di cogliere con degustazioni orizzontali e verticali le diverse espressioni del vino sia in funzione del terroir, sia delle diverse tecniche di vinificazione e affinamento, nonché dell’andamento climatico delle diverse annate. Per permettere una conoscenza più diretta e approfondita del tessuto produttivo, ogni lezione sarà arricchita dalla presenza di un’azienda ospite e dalla testimonianza diretta del produttore.

comparativa1

Il corso è strutturato in quattro incontri, uno a settimana, a partire dalle 19.45 fino alle 22 presso il Bar Garibaldi di Corso Garibaldi 7 a Bra.

Per ogni serata è prevista una prima parte dedicata alla teoria, e una seconda all’assaggio guidato di vini Dolcetto differenti (4 per ciascuna serata), in accompagnamento con un piatto della cucina del Bar Garibaldi.

Il corso avrà inizio mercoledì 24 febbraio, con cadenza settimanale fino al 16 marzo, ma vi è la possibilità di iscrizione anche a singole lezioni.

L’articolazione del corso prevede la seguente programmazione:

PRIMA LEZIONE:

  • Storia del vitigno, legame con il territorio e radicamento nella tradizione locale
  • Il vitigno dolcetto
  • Il lavoro in vigna: dall’impianto alla vendemmia
  • Approfondimento della tecnica di degustazione per il vino considerato Esercitazioni di degustazione con tecnica del confronto
  • Azienda ospite: La Biòca, Monforte d’Alba

 SECONDA LEZIONE:

  • La tecnica di vinificazione 
  • L’influenza del terroir e la figura dell’enologo
  • Degustazione verticale di vini di differenti annate
  • Azienda ospite: Fratelli Aimasso, Diano d’Alba

 TERZA LEZIONE:

  • Le Denominazioni del Dolcetto
  • Biologico, Biodinamico
  • Degustazione  orizzontale di vini realizzati con diverse tecniche di vinificazione
  • Azienda ospite: Aloi Vini, Montà

 QUARTA LEZIONE:

  • Il Dolcetto di Diano a tavola
  • Cenni sulla tecnica di abbinamento cibo vino
  • Degustazione di vini Dolcetto di diversa provenienza geografica.
  • Abbinamento con prodotti tipici
  • Azienda ospite: Azienda Agricola Metilde, Alba